La botte piena, o la moglie ubriaca?

Il rapporto di simbiosi che dovrebbe esserci tra aeroporti e vettori aerei si trasforma in un conflittuale rapporto fatto di scaramucce e screzi di ogni tipo. Tutto questo succede solo nel Belpaese…

Così se il governo protegge Alitalia a detrimento degli aeroporti per evitare licenziamenti (l’introduzione qui), il giorno dopo Sea (Milano, Bergamo) e ADR (Roma) annunciano tagli al personale con queste motivazioni:

“e’ il naturale sbocco di una situazione aziendale che, alla necessita’ di dar corpo a un processo di ottimizzazione organizzativa reso ormai improcrastinabile alla luce della perdurante incertezza riguardante il sistema regolatorio aeroportuale, cosi’ come impostato dalla delibera Cipe del 2000, avra’ drammatici impatti negativi in termini di capacita’ di investimento e sul livello di servizio da parte dei gestori aeroportuali” (*)

Cimoli dal canto suo si lamenta. E’ il manager più pagato nel settore aviation e non riesce neanche a fare il suo lavoro senza spendere i milioni del prestito ponte per chiamare i preziosi consulenti McKinsey. Come un bambino inviperito e lagnoso va da Maroni a dire:

Malpensa, dove Alitalia è il vettore più importante, pratica prezzi che sono molto più alti di quelli praticati ad altre compagnie più piccole (*)

Veltroni mette un po’ di granus salis nella discussione, anche se non spiega come si faccia ad avere la botte piena e la moglie ubriaca…

Non è puntellando l’una situazione sulle spalle dell’altra che se ne può uscire. Occorre una strategia forte per rilanciare la competitività della maggiore compagnia aerea italiana ed insieme a lei degli scali della capitale. Occorre favorire un rafforzamento di Alitalia e metterla in condizioni di reggere al meglio la concorrenza con gli altri vettori, senza sottrarre agli aeroporti parte consistente delle loro entrate e delle loro possibilità di espandere il traffico. (*)

Infoair, Virgilio, AGE

Categoria:
Articolo creato 1724

3 commenti su “La botte piena, o la moglie ubriaca?

  1. il crinografo è uno strumento di misurazione della stupidità inventato dal webmaster del blog..
    comunque scusa ma di tutto ciò che c’era scritto hai colto solo l’unica parola senza significato?!
    comunque facciamola fallire alitalia!!!

  2. Palomella, sono quasi commosso… Dopo più di due anni d’esistenza di questo blog, finalmente qualcuno che chiede quale sia il significato della parola crinografo. Appena finisco di lavorare dedico un “post” all’argomento

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto