L’Europa di Göttingen

BARBARA-MONIQUE-ANDREE-SERF.jpgSono ormai sei anni anni che assistiamo con apprensione allo sfaldamento della costruzione europeista. Decenni di integrazione europea, decenni di pace, decenni di crescita economica sono stati messi in discussione da qualche punto percentuale di spread. Improvvisamente, un progetto di politica internazionale ambizioso che doveva fondarsi sulla convivenza pacifica tra popoli in quella che è considerata la culla del mondo occidentale, si è trasformato in un banale esercizio di contabilità che fa riempire la bocca parlando di politica fiscale e politica monetaria.

I deficit strutturali ci sono sempre stati. Spagna, Portogallo e Grecia hanno prosperato per un decennio con i flussi di paesi in avanzo come la Germania. Ed è del tutto normale che a degli avanzi corrispondano dei disavanzi. Per dieci anni Non c’è stato alcuno spread tra paesi, perché l’insolvenza di un paese, per quanto fosse alto il suo stock di debito, non era ipotizzabile nel momento in cui i flussi finanziari continuavano a scorrere in Europa. Poi è arrivata la crisi innescata dal fallimento di Lehman Brothers, i flussi si sono bloccati per qualche mese e i paesi in deficit hanno rischiato di rimanere a secco. Anziché risolvere il problema rapidamente, ci si è focalizzati su aspetti che hanno inoculato in Europa il virus nel nazionalismo finanziario.

Il vero problema non sono stati i deficit finanziari, ma un deficit di leadership. Italia e Francia sono stati guidati da governi imbarazzanti e imbarazzati da una serie di scandali interni che hanno lasciato alla Germania un’egemonia spropositata. E’ così che l’Europa è diventata un ammasso di percentuali e spread.
I teorici del moral hazard e dell’austerità che non vogliono concedere alla Grecia uno sconto sul debito che vale l’1% del PIL dell’intera Eurozona (un-percento!) sono dei miopi incoscienti. E Tsipras che, come il peggiore dei bancarottieri, ricatta l’Europa anziché invocarne la solidarietà, si rivela un opportunista più che uno statista da osannare.

Il weekend scorso sono stato a Parigi spendendo meno che per andare a Milano. Non ho varcato alcuna frontiera e ho pagato la metropolitana di Parigi con le stesse monete con cui il giorno prima ho pagato un biglietto dell’Atac (ricevendo un servizio molto differente, ma questo è un altro discorso). Ho incontrato amici italiani che lavorano lì da anni sentendosi a casa vicino alla Senna e sentendo nondimeno la nostalgia per Trastevere. Mentre visitavo il Centre Pompidou, (progettato da un in italiano) e passeggiavo per le strade sorvegliate da militari in stato d’allerta, mi sono sentito a casa anche io, mi sono sentito protetto da un esercito straniero e non ero invidioso della grandeur francese, ma ne ero in qualche modo fiero sentendola mia. Mi sono emozionato vedendo come era conciata Place de la Republique a due settimane dalla manifestazione per Charlie Hebdo e mi sono rattristato apprendendo in quel giorno che Charlie Hebdo gettava la spugna sospendendo le pubblicazioni.

C’è una canzone di Barbara – cantautrice francese – che è stata inserita nei programmi delle scuole elementari francesi. Si chiama Göttingen ed è stata scritta da Barbara subito dopo un concerto tenuto dalla cantante francese su invito dell’università di Göttingen. Ebrea francese fuggita ripetutamente durante l’infanzia dalle persecuzioni della Repubblica di Vichy, nel 1964 Barbara era andata a Göttingen malvolentieri e con forti pregiudizi negativi sull’opportunità di tenere un concerto in Germania. Dopo quel concerto, sentendo il calore del pubblico prolungò il soggiorno a Göttingen e compose una canzone che, oltre ad essere un inno alla convivenza pacifica, è uno dei migliori inni all’Europa Unita catturando lo spirito dei fondatori. Se ci fosse anche una sola nota di questo brano nelle parole di Merkel, di Tsipras e Renzi, oggi forse non sapremmo neanche cosa sia lo spread.

Bien sûr, ce n´est pas la Seine,
Ce n´est pas le bois de Vincennes,
Mais c´est bien joli tout de même,
A Göttingen, à Göttingen.

Pas de quais et pas de rengaines
Qui se lamentent et qui se traînent,
Mais l´amour y fleurit quand même,
A Göttingen, à Göttingen.I
ls savent mieux que nous, je pense,
L´histoire de nos rois de France,
Herman, Peter, Helga et Hans,
A Göttingen.

Et que personne ne s´offense,
Mais les contes de notre enfance,
“Il était une fois” commence
A Göttingen.

Bien sûr nous, nous avons la Seine
Et puis notre bois de Vincennes,
Mais Dieu que les roses sont belles
A Göttingen, à Göttingen.

Nous, nous avons nos matins blêmes
Et l´âme grise de Verlaine,
Eux c´est la mélancolie même,
A Göttingen, à Göttingen.

Quand ils ne savent rien nous dire,
Ils restent là à nous sourire
Mais nous les comprenons quand même,
Les enfants blonds de Göttingen.
Et tant pis pour ceux qui s´étonnent
Et que les autres me pardonnent,
Mais les enfants ce sont les mêmes,
A Paris ou à Göttingen.

O faites que jamais ne revienne
Le temps du sang et de la haine
Car il y a des gens que j´aime,
A Göttingen, à Göttingen.

Et lorsque sonnerait l´alarme,
S´il fallait reprendre les armes,
Mon cœur verserait une larme
Pour Göttingen, pour Göttingen.

Ma certo, non è la Senna,
non è il Bois de Vincennes,
però è bello lo stesso
A Göttingen, a Göttingen.

Niente “quais”, niente canzonette lagnose
una dietro all’altra
ma l’amore fiorisce lo stesso
A Göttingen, a Göttingen.

La san meglio di noi, penso,
la storia dei nostri re di Francia
Hermann, Peter, Helga e Hans
A Göttingen.

Che nessuno s’offenda,
ma i racconti della nostra infanzia,
il “c’era una volta” comincia
A Göttingen.

Ma certo, noi abbiamo la Senna
e il nostro Bois de Vincennes,
ma, Dio, come son belle le rose
A Göttingen, a Göttingen.

Noi abbiamo i nostri mattini lividi
e l’anima grigia di Verlaine,
loro, son la malinconia stessa
A Göttingen, a Göttingen.

Quando non sanno dirci niente
rimangono lì a sorriderci
ma noi li capiamo lo stesso
i bambini biondi di Göttingen.

Tanto peggio per chi si stupisce
ed agli altri chiedo scusa,
ma i bambini sono gli stessi
a Parigi o a Göttingen.

E fate che mai ritorni
il tempo del sangue e dell’odio
perché ci son persone che amo
A Göttingen, a Göttingen.

E se suonasse l’allarme,
se occorresse riprender le armi
il mio cuore verserebbe una lacrima
per Göttingen, per Göttingen.

Categoria:
Articolo creato 1724

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto