Liquidi e negativi

Ci siamo. La Banca Centrale ha varcato la soglia psicologica dei tassi negativi e dal prossimo 11 giugno le banche che vorranno depositare liquidità presso la BCE pagheranno un tasso dello 0,10% annuo anziché ricevere un tasso di interesse sui depositi.

Sarà abbastanza per fare in modo che le banche dell’Eurozona, che fino a due anni fa tenevano nella BCE depositi pari a quasi 800 miliardi, comincino a fornire liquidità a famiglie e imprese? Ieri i depositi delle banche europee presso la BCE ammontavano a soli 32 miliardi. E dove è finita tutta quella liquidità?

Questo grafico può essere d’aiuto:

gr4

La linea verde (collegata all’asse di sinistra) mostra il corso di un BTP con scadenza 2029 e cedola del 5,25%. La linea blu (collegata all’asse di destra) mostra l’utilizzo complessivo del deposito BCE da parte delle banche dell’Eurozona (i dati sono in milioni di euro). E’ evidente che quella liquidità già è andata sui titoli di stato.

Dunque, un tasso negativo sul deposito BCE può fare ben poco per spostare liquidità verso imprese e famiglie. Bisognerebbe disincentivare l’acquisto di titoli di stato da parte delle banche. Già, e poi come finanziamo i deficit e i debiti di mezza Europa?

No, non rispondere “con la BCE”, ché i tedeschi si incacchiano.

Categoria:
Articolo creato 1724

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto