Una ventata dall’Egitto

sawiris.jpgCome i più informati sapranno, Wind è stata acquisita dall’imprenditore egiziano Sawiris con una spettacolare operazione di leveraged buyout (leveraged buyout è quando ti compri un’azienda indebitandoti e scaricando tutto il debito sull’azienda stessa).

Oggi all’Excelsior di Roma il nuovo patron di Wind si è presentato alla stampa internazionale esponendo il suo progetto per la società telefonica. Ho partecipato all’incontro e c’era da divertirsi parecchio. Per diversi motivi. C’erano i giornalisti, c’erano le associazioni dei consumatori e c’era Sawiris.

C’erano i giornalisti che ponevano domande acute ed intelligenti (“Investirà nel fisso?”, “La sede rimarrà a Roma?) con la convinzione e la postura di chi sta indagando per salvare il mondo.

C’erano le associazioni dei consumatori rappresentati da un individuo come Lannutti. Uno che riesce a pronunciare cinque parole in un minuto generando cinquemila cacchiate. La domande più esilarante è stata: (immaginate queste parole pronunciate con la cadenza lenta, acida e saccente del personaggio): “Ho letto su repubblica che Wind verrà caricata con molto debito (ma dai!?) e molto di questo debito verrà finanziato con obbligazioni. Come intendete tutelare i consumatori?”. Ora qualcuno di voi che magari ha la tessera dell’Adusbef chiami Lannutti e si faccia spiegare che cacchio c’entra il fatto che Wind sia indebitata con i consumatori. Per un momento ho temuto che Lannutti paventasse gli spettri Cirio e Parmalat. E infatti non mi sbagliavo, l’ha fatto. Qualcuno che ha la tessera dell’Adusbef chiami Lannutti e gli spieghi che i presiti sindacati di un leveraged buyout non vengono sottoscritti dal pubblico retail (dove per retail intendo la nonnina correntista che va allo sportello ad investire i soldi della pensione).

Poi c’è Sawiris. Si presenta con uno scontatissimo : “Italy is my favorite destination. My wife like itlay too. She’s in Via Condotti buying clothes” (beata lei). Spiega quanto Orascom (la società di Sawiris leader nella telefonia mobile in Medio Oriente) sia stata brava ad ottenere margini del 70% sulle telefonate e poi dice che i consumatori beneficeranno del nuovo assetto proprietario di Wind (quale consumatorie non sarebbe contento di regalare il 70% di margini ad un operatore telefonico?). L’apice però Sawiris lo tocca rispondendo così all’ennesimo domanda illuminante di non so più quale giornalista:

“I’m a big fan of Berlusconi. We never met, he’s very busy but I hope he will grant me some of his time to meet the next time I’m in Rome”.

Le hostess non erano neanche un granché ed ai presenti hanno regalato una ridicola cartellina trasparente contente:

– una penna che non scrive
– un bloc notes rilegato male
– una biografia di Sawiris
– una sim Wind con 15 euro di traffico
– Il CD Summer Collection 2

Così mi posso sentire Shakira senza pensare che l’estate sta finendo e un anno se ne va.

Categoria:
Articolo creato 1724

Un commento su “Una ventata dall’Egitto

  1. Che Sawiris sia un fan del Berlusca, direi che nobody is perfect, ma cmq rimane una lezione di modestia all’occidente…

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto