Soft lending

E’ uscito il bollettino mensile della BCE sugli impieghi del sistema finanziario europeo. Le banche hanno ricominciato a concedere prestiti a imprese e famiglie oppure continuano a lesinare sul credito? Le imprese e le famiglie hanno ricominciato a chiedere prestiti alle banche oppure continuano ad essere poco fiduciose sul futuro evitando investimenti e debiti come la peste?

Ho preso i dati mensili degli ultimi sei anni individuando tre categorie principali: prestiti per credito al consumo, prestiti per acquisto di case e prestiti ad imprese industriali. Ecco i risultati:

lendingbce

Passato il primo semestre di quello che dovrebbe essere “l’anno dopo la crisi” abbiamo prestiti per il credito al consumo che continuano a calare con tassi persino superiori rispetto a quelli del 2009. In quell’anno probabilmente gli incentivi auto avevano sporcato il dato favorendo l’erogazione di credito all’acquisto, ma comunque il dato è lo specchio di una propensione al consumo ancora bassa che di certo non è stimolata dagli alti livelli dei tassi di disoccupazione. I prestiti alle imprese continuano a segnare tassi di crescita negativi anche se la fase di caduta libera cominciata nel secondo semestre del 2008 sembra essersi arrestata (attenzione, però, a non gioire troppo per le “derivate seconde”: anche la caduta degli impieghi sul credito al consumo sembrava essersi fermata nel 2009, invece poi…). I mutui per l’acquisto di case, invece, si distaccano marcatamente dal trend delle altre due voci salendo con un tasso annualizzato del 3,4% (il tasso più alto da ottobre 2008).

Conclusioni? Affrettatamente direi che le imprese continuano a non investire (o le banche continuano a non permetterglielo) e i consumi continuano ad essere depressi. Il livello straordinariamente basso del costo del denaro ha stimolato solamente l’acquisto di case: una buona notizia per chi è esposto sull’immobiliare, ma non per chi sperava in una rapida ripresa dell’occupazione e del sistema produttivo. Tutto negativo? Prima facie, sì. Però la crisi è cominciata con il calo dei prezzi delle case. La speranza è che si riparta proprio da lì.

Categoria:
Articolo creato 1724

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto