Furor di metafora

“La crisi economico-finanziaria che stiamo vivendo assomiglia a un videogame – in cui dopo aver battuto un mostro se ne affronta sempre uno più grande – solo che in questo caso non può essere spento. Il primo mostro è stato quello dei subprime. Il secondo il collasso del credito, poi le bancarotte bancarie e quindi il collasso delle Borse. Dietro l’angolo ce ne sono altri: Le carte di debito, le possibili bancarotte societarie e poi il mostro dei mostri: i derivati in cui si presenta un rischio dagli effetti incalcolabili, non gestibili se non con il dominio dell’economia e l’antica sapienza dell’anno sabbatico”

“bisogna immaginare un passaggio a livello, un’auto bloccata con dentro una famiglia e il treno che arriva. Franceschini e Bersani tifano per il treno, noi tifiamo per la famiglia”

Di chi sono queste metafore?

a) Gigi Marzullo al Forum Ambrosetti
b) Tonino Guerra all’Aspen Institue
c) Il ministro dell’economia

Articolo creato 1724

Un commento su “Furor di metafora

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto