Malpensanti

Premessa. L’argomento “Alitalia” è trito e ritrito e sinceramente sto scrivendo questo post unicamente perché un neurone impazzito nella mia corteccia ha partorito un titolo del genere che dovevo assolutamente riversare qui.

Solo uno statalista come Formigoni può sostenere che Malpensa abbia bisogno di una “compagnia di bandiera” per sopravvivere. Se c’è un mercato qualcuno lo servirà nel momento in cui verranno ceduti i relativi slot. L’industriale milanese, che vuole raggiungere Tokio senza passare da Roma, potrà trovare più convenienti le tariffe della Lufthansa che lo fanno transitare per Berlino (che a questo punto diventa concorrenziale con il volo Alitalia che passa da Roma) o nuovi voli diretti di altri operatori.

In una primissima esperienza lavorativa ho seguito lo sviluppo degli aeroporti di Firenze e Torino. Il primo aveva grossi problemi legati alla concorrenza di Ryanair che utilizzava Pisa; il secondo soffriva moltissimo la crisi Alitalia che aveva ridotto notevolmente i collegamenti nazionali ed internazionali da quell’aeroporto. Grazie al lavoro dell’amministratore Fabio Battaggia entrambi gli aeroporti hanno risollevato la loro sorte proponendo nuove rotte, puntando molto sul servizio di qualità fornito a vettori diversi da Alitalia. Airone ha una base permanente all’aeroporto di Caselle (Torino) e a Firenze transitano ormai più voli AirFrance e Meridiana che Alitalia. Il mercato c’è e bisogna saperlo stimolare: non ci si può appellare al vettore di bandiera.

Malpensa è un aeroporto che si è reso tristemente famoso per il furto di bagagli e per cronici ritardi dovuti ad un utilizzo non ottimale delle infrastrutture. Non è un caso che Rynair non ne ha voluto sapere di volare lì a causa di tempi di turnaround troppo lenti. E poi, lo ammettano anche i Milanesi, un aeroporto a 50 km della città senza un collegamento diretto dalla stazione centrale non è proprio il massimo, soprattutto quando hai un aeroporto a 12 km dal centro.

La SEA e le amministrazioni locali lombarde si prendano pure le responsabilità di un sistema aeroportuale pianificato male e gestito peggio. Non trovino l’alibi in una compagnia decotta e nel suo disperato tentativo di sopravvivere.

Categoria:
Articolo creato 1724

Un commento su “Malpensanti

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto