Arctic Hype

323031488_56d8f6e641_m.jpgAccanto a radio e televisione, la musica ha trovato un validisssimo mezzo di autopromozione nel cosiddetto “Hype” via internet. “Hype” si traduce in italiano come “montatura”, “promozione giornalistica”, ma direi che il termine inglese, senza tradurlo, abbia assunto un significato tutto suo spiegato da quel fenomeno che rende il passaprola su internet rapidissimo e fulminante grazie alla semplicità di un link e alle connessioni ramificate tra blog e siti di social network. E’ grazie al fenomeno dell’hype che sono letteralmente esplosi artisti come Mika e Lily Allen, non grazie al passaggio martellante sulle emittenti radiofoniche o su Mtv. Se cinque anni fa i pirati adolescenti del P2P scaricavano da internet le hitlist di Mtv, adesso le parti si sono invertite: Mtv e le stazioni fm cominciano a plasmare sempre più le loro playlist secondo quello che si ascolta in rete (questo è ciò che avvenuto con Mika e Lily Allen).

93163371_81998ceb3e_m.jpgE’ grazie all’hype che una band semisconosciuta come gli Arctic Monkeys è salita tra le prime posizioni dellle top 40 inglese del 2004. Si comincia con un blogger autorevole che pubblica clandestinamente un mp3 sul suo blog scrivendo di aver scovato una band rivelazione. Altri blogger ascoltano l’mp3 e pubblicano sui loro blog commenti altrettanto entusiasmanti. La band comincia a salire nelle classifiche d’ascolto di siti come last.fm o hype machine e iTunes suscitando la curiosità  di chi consulta le classifiche per scoprire nuova musica. A quel punto, se la band è effettivamente valida, si espanderà come un virus e, se abbastanza commercializzabile, passerà  su mtv e radio uscendo dall’incubatore internettiano dell’hype.

Di questo meccanismo affascina una sorta di democratizzazione della cultura e della sua diffusione a scapito degli editori. Tuttavia si tende a sopravvalutare molto il minuscolo facendo passare per “capolavoro” qualsiasi cosa salti nella mente di un blogger. La fregatura è che gli editori, le case discografiche e gli artisti hanno imparato a sfruttare il fenomeno a loro vantaggio. Prendi alcune band come Wilco e Of Montreal che, pur essendo validissime, si lasciano regolarmente sfuggire i lolo nuovi album prima dell’uscita ufficiale per sfruttare la promozione gratuta dei blogger.

Gli Arctic Monkeys sono senz’altro i più paraculi e, a mio avviso, i più sopravvalutati in questo senso. Il 24 aprile uscirà il loro attesissimo CD che, guarda caso, si può già trovare da qualche settimana su BitTorrent. Secondo Technorati oramai si scrivono 500 post ogni giorno che ne parlano ed è diventata la 34esima band più ascoltata dagli utenti di last.fm oltre ad essere la più chiacchierata dai blogger.

A dispetto di tutti i ragionamenti di sopra, io ho scaricato il loro nuovo album e, nonostante i sospetti iniziali, devo ammettere che ci sono alcuni brani davvero validi e che il nuovo Cd ha tutte le chance di bissare il successo del primo album. Vittima anche io dell’hype, vi propongo qui sotto Fluorescent Adolescent che è semplicemente fantastica, con una presa incredibile già dai primi secondi (premere play per ascoltare, i lettori via feed rss leggano via browser tradizionale qui):

[audio:adolescent.mp3]
Categoria:
Articolo creato 1724

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto